Ho sempre odiato Febbraio. Nonostante la brevità, contiene tutte le feste che mi danno l’orticaria: Carnevale e San Valentino. La prima potrà anche non fare danni irreparabili ma solo bischerate, la seconda di danni ne fa parecchi e pure pesantucci, accidenti se ne fa.


Naomi Tolentinati Valentine's Day ParisTre giorni che stanno insieme (praticamente due sconosciuti), e festeggiano San Valentino, trent’anni che stanno insieme (non si sopportano Più), e festeggiano San Valentino. Questo povero Santo Bistrattato e Abusato ne avrà sentite di peste e corna (tante) nel giorno a lui dedicato. Il peluche, la cena, il regalo, il teatrino delle romanticherie da diabete, il ristorante con le candele perché altrimenti che San Valentino è, il regalo in gioielleria, le moine tempo 0-24h perché poi per tutto il resto dell’anno sono sold out, il trattamento dall’estetista per essere preparata, (vi auguro a qualcosa di stuzzicante, perché altrimenti se andate in bianco.. soldi sprecati anche lì)... e poi... i mitici, inossidabili, intramontabili, irrinunciabili Baci Perugina. Oh! e se c’è anche la rosa rossa di plastica il pacchetto è proprio completo. San Valentino è la celebrazione di uomini misogeni che portano in trionfo dieci minuti del loro insano maschilismo, con l’avallo e il favoreggiamento di donne che non hanno capito di essere usate. Amen, l’ho detto. Ora sbranatemi!

 

In questo lago di Loch Ness di cioccolato che ti azzanna care amiche, almeno azzeccate l’abito vi prego, visto che tutto il resto è un palchetto che per tenerlo in piedi ha bisogno di puntelli.


Naomi Tolentinati San Valentino LingerieNon sono contro l’amore, ci mancherebbe. Mi piace però quello di tutti i giorni. Quello della coerenza e della concretezza, pochi manierismi e molti fatti. Poi non sopporto le cena a tema, e i comandi calendareschi, i regali dovuti e le forzature di genere. Non sopporto i cioccolatini quando te li aspetti, e non mi piace ricevere attenzioni a comando. Io sono una che vuole essere sempre sorpresa, figurasi che rapporto posso avere con San Valentino, meglio Sant’Antonio col suo maiale. Per come sono fatta io, domani potrebbe essere il momento topico per fare una litigata a regola d’arte. Però, accantonate le mie digressioni circumpolari, per questa festa cosa bisogna mettersi?

Sentite, se la dobbiamo fare colossale la messa in scena, allora fatela anche con l’abito. Mettetevi il vestito più sexy, seducente, scollato, provocante e inadeguato che avete e sarete perfettamente in tema. Vi sto istigando ad uno di quegli outfit per il quale poi guardandovi potreste dire: "Ma dove diamine vado conciata così?"

Naomi Tolentinati San Valentino outfit ideaVi sto confondendo le idee vero? Sì, mi sto divertendo lo ammetto. Allora sapete cosa vi dico? Che il vostro Valentino’s Dress(che purtroppo non è un vero Valentino per le quali tutte faremmo vere follie, altro che cioccolatini),deve rispecchiare l’amore che avete per il vostro uomo.
È un amore decoroso? Allora mettetevi un abito che lo rispecchi. È un amore passionale? Indossate l’abito più sexy che avete. È un amore easy? Un jeans sarà perfetto. È un amore conformista? Mettetevi un tailleur. È un amore stanco? La tuta da ginnastica sarà il must. Siate voi stesse, e magari, il tipo che vi portate appresso spesso distratto e monotono, lo capirà che tipo di amore cercate, o che tipo di amore state subendo... forse. Ma nel dubbio spiegateglielo, con tanto di disegni e carte di cioccolatini.
E se proprio non lo capisce date retta a me, comperatevi la lingerie più sexy che trovate, piazzateci sopra un bel tubino nero con un paio di tacchi vertiginosi, rigorosamente non plateau, e andate a cena con la vostra migliore amica. Perché le passioni vanno curate per se stesse.
Ricordatelo!!

Buon San Valentino a tutte 
Naomi